Casale Monferrato

  • Comunità

    La comunità è attiva.

    La prima comparsa di ebrei nella zona si può collocare alla fine del XIV secolo. La Comunità nel tempo ha assunto le seguenti denominazioni:

    • Consistoire Départemental des Israelites de la Circoscription de Casal (Dipartimento di Marengo), 1806 – 1814
    • Università israelitica di Casale Monferrato, sec. XIX al 1930
    • Comunità israelitica di Casale Monferrato, 1930 – 1989
    • Comunità ebraica di Casale Monferrato, dal 1989
  • Archivio della comunità

    Archivio storico riordinato nel 2011. È costituito da 2265 unità archivistiche, con estremi cronologici complessivi 1570 – 2009.

    È un archivio molto complesso e comprende diversi fondi/complessi di fondi tra cui i principali sono:

    • Università generale del Monferrato 1570 -1878
    • Comunità ebraica di Casale Monferrato 1570-2009
    • Opere Pie e religiose israelitiche di Casale Monferrato 1743 - 1986
    • Università israelitica particolare di Moncalvo 1810 - 1932
    • Opere pie di Moncalvo 1810 - 1914
    • Famiglia Sacerdoti 1743 - 1853
    • Contratti matrimoniali – Ketubbot 1780 - 1825

    Comprende inoltre due fascicoli del fondo archivistico della Comunità di Acqui Terme 1850 – 1853.

    Comunità ebraica di Casale Monferrato 1570-2009 (parte I 1570-1946, parte II 1933-2009)

  • Soggetto conservatore dell’archivio

    Comunità ebraica di Casale Monferrato
    Vicolo Salomone Olper 44
    15033 Casale Monferrato (Alessandria)

    Comunità ebraica di Casale Monferrato

  • Emergenze storico-artistiche

    • Ghetto: costruito nel 1724 come unico quartiere in un’ampia area che compresa tra le attuali via D’Azeglio, via Balbo, via Alessandria, via Roma, vicolo Castagna e piazza San Francesco. Nel 1848, all’epoca dell’emancipazione, la comunità contava ben 850 persone, che presto lasciarono Casale per trasferirsi a Torino. Tra via Balbo e via Alessandria le case del ghetto hanno conservato le loro antiche caratteristiche: una serie di passaggi e corridoi intercomunicanti permetteva di andare da una casa all’altra o di raggiungere la sinagoga senza passare dall’esterno.
    • Sinagoga: inaugurata al centro del quartiere nel 1595 in vicolo Salomone Olper 44. L’edificio per il suo interesse architettonico e artistico è stato dichiarato monumento nazionale, dopo il suo completo restauro nel 1968 che ha messo in risalto l’originare splendore degli interni in stile tardo-barocco ebraico-piemontese.
    • Cimiteri: vi sono due cimiteri, il “vecchio” in via Negri e il “nuovo” in via Cardinal Massaia con la presenza di numerose tombe monumentali. 
      Cimitero.

Consulta le Immagini dagli Archivi

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritte nella nostra Cookies Policy.